147 Origini

Scaturigine provenienza origine cominciamento apparizione manifestazione causare trarre. In un punto nel soffitto, vicino o lontanissimo, come il Pendolo di Foucault, sta appeso il senso da decifrare. Si inventano strumenti per comprendere: alchimia, biologia, religione, botanica, filosofia, arte, musica ma si rimane sempre con quella richiesta di senso insoddisfatta e mobile, vagabonda tra un punto e l’altro. Ma qual’è il senso di tutto ciò?

Annunci

146 Donne che leggono e studiano

In un sistema repressivo sia familiare, sociale, religioso, politico, una delle prime azioni distintive riguarda i Libri in quanto Fonti di Storie e Pensieri. Prima di tutto fanno i falò di Libri (ha un nome, biblioclastia), poi si inventano la Censura, poi decidono chi può leggere (di solito quelli che Continua a leggere

144 Autosufficienza Spirituale e catastrofismo

Ebe Anna Navarini – un mio articolo del 18/09/2013 dal “ViviConsapevole”

http://www.viviconsapevole.it/articoli/autosufficienza-spirituale-e-catastrofismo.php

Quando è emerso definitivamente ed invasivamente sui media e nelle parole di tutti in ogni casa, ufficio, officina, laboratorio, telefonata, conversazione … il fantomatico fenomeno denominato ‘crisi economica mondiale’, il livello di ansia e preoccupazione per la propria vita materiale, per i propri beni, per il ‘raggiunto livello di benessere’ hanno reso spasmodica la tensione data dalla insicurezza verso un futuro sicuramente incerto (ossimoro auto-proliferante) e improvvisamente sono apparsi anche a coloro che non se ne erano mai interessati prima: il Mondo, gli Altri, insomma… tutto il resto da sé. Effettivamente dobbiamo ammettere che se c’è stato un elemento positivo figlio di questo ‘terrorismo mediatico’ è proprio questa improvvisa e quindi

Continua a leggere

139 Quando avevamo un Territorio che era anche Paesaggio

Guarda un po’…neanche a farlo apposta. Subito dopo il terremoto a Ischia, di lieve entità ma in grado di contribuire alla demolizione di oggetti edilizi abusivi realizzati con la partecipazione di tutti i soggetti tipicamente coinvolti in queste operazioni quali privati cittadini, palazzinari professionisti e funzionari pubblici con interessi privati, dei quali dovrebbero essere privi, ma che fatalmente non lo sono mai, mi trovo a sentir parlare del “Festival del paesaggio” (che anatomizza il Paesaggio attraverso un tema-pertugio)

Continua a leggere

136 Elogio del bianco

Partiamo dai capelli bianchi? Bene, partiamo da lì. Anche se te li fai crescere per dimostrare la tua vera età, non basta perché mica tutti sanno datare cose e persone. Anzi a qualcuno può venire in mente di poterti istruire sulla vita proprio in base al fatto che dimostri un bel po’ d’anni in meno. Vabbè non importa, avanti con pazienza nell’esperimento antropologico, interessante da vedere. Si diceva

Continua a leggere

134 Edoardo Boncinelli e il deserto dell’eugenetica

Sì sì lo so, Edoardo Boncinelli è uno stimato studioso di biologia e quest’anno è stato consegnato alla notorietà nel mondo giovanile poiché un suo articolo dell’agosto 2016 è stato proposto come tema all’esame di italiano della Maturità in corso. Per queste ragioni è stato interessantissimo sentirlo parlare di sviluppo culturale  ‘esterno  e di problematiche interne alla nostra specie. Con interno ed esterno egli si riferiva al corpo fisico individuale e Continua a leggere

127 :: Senza apparenti argomenti

a-descent-into-the-maelstrom-h-clarke-1919Capita, caspita. A volte gli argomenti e le sollecitazioni sono cosìciclone-animated_hurricane esorbitanti da dare l’impressione di non riuscire a focalizzare il centro del percorso e a vedere il punto centrale. Poi si pensa che il centro del ciclone è già fermo di suo e quindi non c’è nessuno sforzo da fare. E’ così fermo da sembrare un asse, un sostegno. E infatti lo è. La chiamano ‘La forza del vuoto‘. Infatti solleva cose, persone, animali, alberi, case, ponti e sconvolge lo status del momento anche in maniera irreversibile. Poi, dopo aver ciclone-low_pressure_system_over_icelandtrasformato indelebilmente la linea di costa, si dissolve. Il risultato importante di questo caos (Χάος) periodico, permanente nella sua stagionalità, poi ordinato, dovrebbe essere la conoscenza, ossia la memoria anteriore-interiore degli avvenimenti, delle loro cause ed il risultato di ciò che è stato. Per non sprecare tempo e energie in inutili esercizi di potere, è intelligente non contrastare le forze primigenie ma comprenderle. Sapranno i nostri eroi tenere la mano ferma, l’occhio vigile, il piede leggero, la mente focalizzata, il corpo lieve, l’anima navigante e lo spirito insonne? Ovviamente, tutte le immagini dal weeeb

109 Cerchi cerchietti circuiti e circoli

cerchio umanoLa potenza del cerchio è eterna, bellissima e insidiosa. Come molti altri hanno già avuto occasione di scrivere, studiare, pensare, il ‘centro del simbolico cerchio dell’universo, il Luogo Immutabile nel buddhismo’, altresì connesso alla simbologia dell’Albero della vita > centro dal quale tutto si diparte < è simbolo iniziale, padre/madre/figlio, generatore, formatore, monomito, manifestazione. Arriviamo Sole2da quel centro e lì ritorniamo seppur al fine di interminabili e perigliosi pellegrinaggi torno torno. Nella transumanza umana sulla Terra nostra Madre, disegniamo percorriamo e ritorniamo a capofitto su e giù per  milioni di cerchi che ci piaccia o meno e che ne teniamo conto oppure no. Il simbolo è così potentemente radicato in noi che persistiamo nel riprodurlo in ogni attività, collettiva e/o individuale. La sua adozione nei raduni può rappresentare condivisione se ci ritroviamo tutti a discutere oppure separazione se siamo il ‘direttivo’, apertura se

Continua a leggere

107 29122013 ode al cane

Quando la Luna voleva entrare, il ciglio del sonno era ormai sciolto ed aprimmoIMLPT quando la luna voleva entrare 070120153814 BR IMLPT casa sull'albero IMLPT

Ode al cane (P.N.) “Il cane mi domanda ed io non rispondo. Salta, corre pei campi e mi domanda-senza parlare-ed i suoi occhi-son due domande umide, due fiamme-liquide interroganti-ed io non rispondo,-non rispondo perché-non so e nulla posso dire. In mezzo ai campi andiamo-uomo e cane. Luccicano le foglie come-se qualcuno-le avesse baciate-ad una ad una,-salgono dal suolo-tutte le arance-a collocare-piccoli planetari-in alberi rotondi-come la notte e verdi,-ed uomo e cane andiamo-fiutando il mondo, scuotendo il trifoglio,-pei campi del Cile,-fra le limpide dita di settembre. Il cane si arresta,-corre dietro api,-salta l’acqua inquieta,-ascolta lontanissimi-latrati,-orina su una pietra-e porta la punta del suo muso-a me, come un regalo. Tenera impertinenza-per palesare affetto!-E fu a quel punto che mi chiese,-con gli occhi,-perché ora è giorno,-perché verrà la notte,-perché la primavera-non portò nel suo cesto-nulla-per cani vagabondi,-ma inutili fiori,-fiori ed ancora fiori. Questo mi chiede-il cane-ed io non rispondo. Andiamo avanti,-uomo e cane, appaiati-dal mattino verde,-dall’eccitante vuota solitudine-in cui solo noi-esistiamo,questa coppia di un cane rugiadoso-ed io poeta del bosco,-perché non esistono-uccelli o fiori nascosti,-ma profumi e gorgheggi-per due compagni,-per due cacciatori compagni:-un mondo inumidito-dalle distillazioni della notte,-un tunnel verde e poi-una prateria,-una raffica di vento aranciato,-il sussurro delle radici,-la vita che cammina,-respira, cresce,-e l’antica amicizia,-la gioia-d’esser cane e d’esser uomo-tramutata-in un solo animale-che cammina movendo-sei zampe-ed una coda-con rugiada.”

106 Il suolo – un patrimonio da salvare

Ok, ne sono consapevole. Il video è davvero piuttosto brutto, secondo me, a causa della grafica primitiva e rigida ed anche di un audio pessimo con molti fastidiosi disturbi di fondo. Per gli ambientalisti della domenica e/o da scrivania, tutti presi dal green-style, sarà addirittura inguardabile. Ma una cosa si salva: l’argomento trattato. La percezione del suolo come di un essere vivente, è molto lontana dai circoletti degli amichetti della natura, ma è fondamentale per la Vita. Quindi: in attesa che qualche anima buona si prenda la briga di fare un cartoon sensato e con un sound decente (io non ci sono riuscita a fare il mio cartoon … ), riproduciamo almeno questo …

100 Corpi Intermedi ectoplasmatici

APE progetto di riqualificaz di Ebe NavariniAllora direi che possiamo fare così: inizio postando tutti gli articoli –66 78 82 89 93 94 95 – pubblicati negli ultimi mesi relativi al mio Progetto APE (Aula Permanente Emergente Ecologica Educativa) per Casa Aurora, poi esprimo tutti belli ordinati i miei punti di vista sull’argomento dopodiché non avrei altro da aggiungere su questa faccenda. Il Progetto APE (Aula BR 500 Ape Flora 04102015412Permanente Emergente Ecologica Educativa) per Casa Aurora, ripetutamente e apertamente condiviso era ed è costituito da un organico insieme di iniziative e processi culturali-ambientalistici-didattici finalizzati al recupero sociale dello spazio fisico e naturalistico ma dopo la Continua a leggere

99 Il verme tagliato perdona l’aratro?

Citazione

Paistu_Põrguorg,_Varstu_oja_1

“L’aratro è una delle invenzioni più antiche e più preziose dell’uomo, ma molto prima che fosse introdotta, il suolo era in realtà arato regolarmente dai lombrichi e non smetterà mai di esserlo. E’ lecito dubitare che esistano molti altri animali il cui ruolo, nella storia del globo, abbia avuto un’importanza pari a quella di queste creature d’organizzazione così inferiore”. C. Darwin (foto da concorso fotografico scientifico di wikipedia). (NdR In realtà molti milioni di ettari di suolo, a causa degli abusi con sostanze chimiche, arature e ignorante incuria, hanno smesso di essere arati dagli aratori ufficiali.)

98 Food Forest in mezzo ai Sassi (della Val Marecchia)

BR 500 17102015456Eravamo in mezzo ai Sassi che se ne stanno appoggiati sulla famosa Coltre argillosa della Val Marecchia a studiare come fare e a capire cosa sapere per realizzare una Food Forest ossia una foresta commestibile. Che uno la legge così, due parolette messe lì pure in inglese, e sembra una cosa che, ci vuole più a dirla che a farla. Sbagliato. Ci vuole meno a dirla che a farla anche perchè, una cosa è mettere in BR 500 17102015476terra le piante, sia anche con la fantastica tecnica virgineo-bilancinesca di Michele, e un’altra cosa è sapere cosa mettere, perchè, come e dove. Come tutte le questioni che afferiscono alla poliedrica e olistica formazione in Permacultura, richiedono studio, capacità di osservazione, lettura spaziale, memoria, modestia nell’approccio, condivisione e parecchio altro. Tutta roba che, ad un attento BR 500 17102015503ascoltatore/studente, risuona nelle orecchie partecipando alle lezioni dell’ Elena Parmiggiani, insegnante del Corso che si è tenuto la settimana scorsa al B&B Sasso Erminia in Val Marecchia, appunto. Il luogo energeticamente conciliante e la bellezza naturalistica hanno accolto il gruppetto di volonterosi studenti/ospiti e anche aiutato i ragazzi del Sasso Erminia, Andrea e Patrizia, a stabilizzare una impronta di autosufficienza alimentare, BR 500 17102015480nient’affatto trascurabile, attraverso le conoscenze e l’esperienza di una insegnante della Accademia Italiana di Permacultura. Abbiamo seguito le lezioni, progettato in astratto e poi in concreto (mica si impara in un w-e, seppur lungo, a progettare!), mappato, piantumato e trapiantato anche una siepe protettiva, oltre alla Food Forest. Ma rientrando alla base, dopo una sosta a Reggio Emilia, BR 500 18102015521riflettevo su un tema di non poco rilievo. Pensavo a quanto sia importante che, alla progettazione con strumenti permaculturali, ad esempio nella realizzazione di un posto ecosostenibile, sia affiancato un Corso di Progettazione in Permacultura, in quanto non è possibile Essere in questa dimensione, senza svolgere, conoscere e approfondire responsabilmente (in prima persona) sperimentando il processo che porta in quella direzione, se non a rischio di ‘volgarizzazione’ di una disciplina che merita grande attenzione. Questa consapevolezza, oltre agli BR 18102015514insegnamenti, che arrivano sempre più profondamente, più procedo su questa strada, e più fortemente si radica in me. La formazione continua e attiva è un modo per rimanere vivacemente vicini a questa dimensione che richiama la completezza dell’esistenza. Grazie Elena, Diego, Michele, Giulia, Marco, Patrizia, Mirca, Andrea, Alice, Antonella e Balto.

95 Bambini e Flora spontanea

BR 1000 Dario e Ape Flora ai trucchi 04102015367Io e Ape Flora (Lucia Maccagnola, qui a fianco nella foto, al trucco eseguito dall’acquarellista Dario Sgarzini) abbiamo architettato un bel ‘tranello educativo‘ per i bimbi: farli giocare (Ape Flora) creativamente con la Natura attraverso l’Osservazione della Flora spontanea di Casa Aurora. A quanto pare, la cosa ha funzionato. A qualcuno sembrerà banale, ma vi assicuro che permettere alla Natura di far crescere spontaneamente le sue belle piante è tutt’altro che un’impresa banale e infatti ci sono voluti 6 mesi di lavoro e cura per poter avere erba alta, fiori e piante commestibili, frutti buonissimi. Ora questo luogo inizia ad avere un BR 1000 il trucca ape inizia 04102015364carattere e una personalità, spiccate. Ma il lavoro non è finito, anzi, ci sono molte altre cose da fare ma almeno il processo di riqualificazione culturale e ambientale di questa area residuale urbana, è partito. Ricordiamo infatti che il Suolo, la Terra e la Cura che dedichiamo ad essi sono, Cultura. Le conoscenze e lo studio che mettiamo in campo occupandoci di lei, la Terra/Suolo, sono Cultura. La dedizione e la passione che investiamo per la sua Cura, sono Cultura. Ed anche le BR 500 Ape Flora 04102015412intemperanze che emergono quando tutto ciò viene ignorato, sono Cultura. Perché la Cura per la Terra/Suolo, è la manifestazione concreta dell’indissolubile legame che tiene insieme la Vita Umana e la Vita nella sua Essenza più pura e arcana. Speriamo che continui, progredendo nel miglioramento della comunicazione umana, nel rispetto per le persone e i luoghi, nelle iniziative individuali, nella responsabilizzazione diretta di ciascuno e tutti. Insomma, che evolva. Grazie, alle persone che hanno capito.

BR 500 Ape Flora 04102015428BR 300 Ape Flora 04102015411BR 300 Ape Flora 04102015408BR 300 Ape Flora 04102015409 Tutti ma proprio tutti gli scatti sono di Ebe Navarini TheUnpWr 2015.

88 Goffredo Parise: il rimedio è la povertà

P.P.PasoliniLauraBettiGoffredoParise1962 Nella foto dal web, Parise insieme a Laura Betti e PP Pasolini e qui link all’articolo di Goffredo Parise-grazie a Prismi-Pensieri Filosofici Blog

«Questa volta non risponderò ad personam, parlerò a tutti, in particolare però a quei lettori che mi hanno aspramente rimproverato due mie frasi: «I poveri hanno sempre ragione», scritta alcuni mesi fa, e quest’altra: «il rimedio è la povertà. Tornare indietro? Sì, tornare indietro», scritta nel mio ultimo articolo.

Per la prima volta hanno scritto che sono “un comunista”, per la seconda alcuni lettori di sinistra mi accusano di fare il gioco dei ricchi e se la prendono con me per il mio odio per i consumi. Dicono che anche le classi meno abbienti hanno il diritto di “consumare”. Lettori, chiamiamoli così, di destra, usano la seguente logica: senza consumi non c’è produzione, senza produzione disoccupazione e disastro economico. Da una parte e dall’altra, per ragioni demagogiche o pseudo-economiche, tutti sono d’accordo nel dire che il consumo è benessere, e io rispondo loro con il titolo di questo articolo. °°°°° Il nostro paese si è abituato a credere di essere (non ad essere) Continua a leggere

84 TTIP e EXPO sono fratelli gemelli?

Protesters take part in demonstration against Transatlantic Trade and Investment Partnership (TTIP) in Madrid on October 11, 2014. European and US negotiators have been in talks for more than a year to create the world's biggest free-trade and investment agreement, the proposed TTIP. But the ambitious pact has raised an array of concerns about issues including whether it will override local laws, and sharp accusations that negotiations are taking place behind closed doors to protect the advance of corporate interests.  AFP PHOTO / CURTO DE LA TORRE

Udite Udite! Mi sbaglierò sicuramente ma un’idea fantasiosa è in circolazione … e riguarda il nesso tra la grande vetrina della pappa, da tutto il mondo chiamata Expo2015, e il più o meno famigerato TTIP. Sono ‘partiti’ entrambi una decina di anni fa ed entrambi si realizzano nel 2015. La macchina della pappa è già in funzione nel sud-ovest milanese e il TTIP dovrebbe esser ratificato, nonostante quasi nessuno sappia niente e il tutto venga deciso nei salotti di stato e salette tecniche delle multinazionali del petrolio e dell’agroalimentare (appartengono alla stessa famiglia di capitali), entro l’anno.

Continua a leggere

81 Valore vs Ruolo

Cineraria in giardinoRiflessioni attorno a temi cari.
Leggo dal Devoto-Oli: ““Valore, s.m. 1. Misura non comune delle doti morali e intellettuali o della capacità spec. In ambito professionale (…)* Coraggio ardimento con una particolare sfumatura eroica (…) * arc. Nobiltà d’animo come sinonimo di virtù. 2. Nell’ambito economico, la quantità di moneta pagabile o ottenibile per un bene (…). * Nel linguaggio comune spesso la distinzione esistente fra le accezioni precedenti non appare molto evidente e il termine partecipa sia dell’una che dell’altra (…) ma per lo più si identifica con il prezzo o l’equivalente in denaro (…)” e Ruolo s.m. 1. Elenco nominativo dei componenti di un’organizzazione, di una società o di un gruppo: i r. di un ministero, di una ditta; essere iscritto nei r.; 2. La composizione e l’ordinamento del personale di un’amministrazione o di un’impresa; spesso con riferimento amministrazione statale (…). 4. Parte affidata a ciascun attore in una rappresentazione teatrale o in un film (…). Nel linguaggio sportivo il r. affidato a ciascun componente della squadra (…). 5. In sociologia o in psicologia l’atteggiamento assunto dall’individuo in rapporto alla funzione esercitata e alla interazione tra i comportamenti dei componenti del gruppo o sistema sociale di cui fa parte (…).”

Continua a leggere

20 La mia Astrologia: i fantastici 10 > Sole Luna Mercurio Venere Marte Giove Saturno Urano Nettuno Plutone

Sole2Luna 2Mercurio2Venere2Marte2Giove 2Saturno2Urano2Nettuno2Plutone2

Percorrere le molte vie dell’astro attraverso le molte materie oscure che tocca è affare di grande coinvolgimento ed emotione. Girare nel tondo soffermandosi sui tratti della Vita stordisce a volte ricrea. Fili colorati compongono disegni misteriosi ed affilati. Saprà la nostra eroina estrarre il ramo dall’acqua? Potranno fringuelli e falchi solcare le onde della nebulosa? Correre di ramo in ramo seppe per attingere alla bella dormiente.