85 Un albero per ogni bimbo-bimba che nasce

Albero-Giornata-Nazionale_fiabe-bambinialbero della vita tribale indianoalbero e bambinoalbero sefiroticoNon è un’idea bizzarra né fricchettona ma una Legge dello Stato e per la precisione la Legge n° 113 del 1992 che obbliga i Comuni con oltre 15.000 abitanti a piantare un albero per ogni bambino nato o adottato. Alla famiglia del bambino-albero, devono essere comunicati tutti i dati relativi all’essenza piantata nel territorio comunale: nome dell’essenza, data di piantumazione, luogo esatto in cui si trova etc etc. Se l’intento è

chiaramente ecologico (ripopolamento del patrimonio arboreo e della biodiversità) l’idea invece è arcana, poetica, misteriosa e spirituale. Ma non solo. alberi e bambini 2Come noto, nella tradizione cattolica occidentale la Nascita è rappresentata dall’albero senza dimenticare l’Albero della Conoscenza del Bene e del Male; le popolazioni celtiche avevano una tradizione astrologica che collegava la data di nascita a un’essenza arborea; nella tradizione cabalistica l’Albero della Vita rappresenta le fasi di crescita, consapevolezza e trasformazione della Coscienza umana e quindi le Leggi dell’Universo; Siddhartha Goutama Buddha ha ricevuto la Bodhi, l’Illuminazione, ai piedi di un albero sacro, il Ficus religiosa; nella tradizione islamica l’Olivo è l’Albero Cosmico per eccellenza, il pilastro dell’Universo; nell’Epopea di Gilgamesh, l’antichissimo ciclo sumerico, il segreto dell’immortalità starebbe in una pianta che si trova in fondo al Mare; per gli Osage, Indiani Nativi d’America, la Maclura pomifera era l’albero sacro della Vita. Insomma, la Natura è il mistero che tutto contiene, compresa la dimensione del sacro, e le popolazioni antiche ne riconoscevano la potenza custodendone il segreto. alberi bambiniSolo noi, l’avevamo dimenticato, ma ora attraverso uno strumento istituzionale qual’è una Legge, recuperiamo (almeno sulla carta) l’antichissima tradizione dell’albero-che-inizia-la-vita. Per le istituzioni locali può essere una modalità (non schierata politicamente) per creare interazione con la cittadinanza attraverso azioni concrete ed educative, che non riguardano solo la manutenzione stradale o la realizzazione di nuovi fabbricati mangia-suolo, ma promuovono il Valore dell’Albero come saluto al Mondo da parte del bambino e della sua comunità, oltre che l’impegno ecologico attivo e conservativo della biodiversità arborea. alberi e bambini 12E poi, ultima nota: è interessante sapere che il Comune è tenuto a fare il bilancio arboreo entro 2 mesi dalla fine del mandato. Quanti Comuni in Italia si sono dotati di tale strumento? °::°

Tutte ma proprio tutte le immagini del post sono tratte dal weeeb

Annunci